Lazio Pride 2019: è sfida a tre tra Ostia, Latina e Frosinone

Ostia raggiunge in finale Latina e Frosinone, diventando la terza finalista per ospitare la manifestazione Lazio Pride 2019.

La scelta del Comitato Lazio Pride ricade su Ostia dopo il grande successo dell’edizione precedente, che aveva visto sfilare circa 20mila persone per le vie del centro del litorale romano.

Ostia dovrà quindi vedersela con Frosinone, giunta in finale tramite il sostegno dei social network, e Latina, su cui si è espresso favorevolmente il Comitato Lazio Pride.

Standard

Lazio Pride 2019: Latina è la seconda finalista. Sará derby con Frosinone

Il capoluogo pontino accede alla finale a tre per la selezione della cittá che ospiterá l’edizione 2019 del Lazio Pride. Latina raggiunge cosí Frosinone per un inedito derby, dopo aver giá ospitato le edizioni della manifestazione 2016 e 2017. Lo comunica il Comitato Lazio Pride che ora dovrà esprimersi sulla terza finalista.

‘Una scelta che ci riempie di orgoglio – commenta Marilù Nogarotto, Presidente di Arcigay Latina -. Il Lazio Pride è nato qui e sarebbe bellissimo riportarlo per il cinquantenario di Stonewall, cosí a celebrare i 50 anni di Pride a livello mondiale’.

Standard

Lo Stesso Bacio – Buon San Valentino

#LoStessoBacio – Buon San Valentino

Un bacio è un bacio. In tante città del Lazio per dimostrare che l’amore è di tutti.

I volontari e le volontarie di Arcigay Roma, Gay Center, Divine Ostia, Arcigay Latina, Unipride Viterbo, Per un Arcigay Castelli Romani e Per un Arcigay anche a Frosinone

augureranno un buon San Valentino distribuendo flyer e baci Perugina. Iniziativa in sostegno del Lazio Pride 2019.

Di seguito l’elenco, in aggiornamento, delle iniziative

14 FEBBRAIO

ROMA | Largo Goldoni | 16-18

OSTIA | Divine – Viale Capitan Consalvo, 2 | h 22

ALBANO LAZIALE | Piazza San Pietro | 17-19

LATINA | Piazza del Popolo & Centro | h 16

VITERBO | Piazza del Plebiscito – Via Roma – Piazza delle Erbe – Via del Corso – Piazza Verdi – Viale Marconi | 16:00-20:00

FROSINONE | Via Aldo Moro | 16:30-19:30

SORA | Piazza Santa Restituita – Corso Volsci | h 16

 

Standard

Lazio Pride 2019: Frosinone vola in finale

Il capoluogo ciociaro si è piazzato al primo posto nelle votazioni sui social network, guadagnando così l’accesso in finale. Frosinone ha quindi speranze concrete di ospitare la manifestazione Lazio Pride, che quest’anno celebrerà i 50 anni dai Moti di Stonewall, che a New York nel 1969, diedero vita al primo Pride.

Nel mese di febbraio saranno comunicate dal Comitato Lazio Pride le altre due finaliste, che sfideranno Frosinone. Albano Laziale, Latina, Viterbo, Ostia e Guidonia attendono l’esito del verdetto.

Standard

Lazio Pride 2019: vota su Facebook e Instagram la tua città preferita per portarla in finale

Fino al 31 gennaio sarà possibile votare sulla pagina Facebook e sul canale Instagram di Lazio Pride la propria città preferita per ospitare la manifestazione, per portarla direttamente tra le tre finaliste.

Attualmente risultano candidate: Albano Laziale, Frosinone, Ostia, Viterbo, Guidonia e Latina.

Dal 25 gennaio le reaction facebook saranno invertite in base alla classifica provvisoria e quindi sará possibile votare due volte.

Standard

Latina: minacce di morte a un ragazzo trans. Serve una legge contro l’omotransfobia

Un altro episodio di omotransfobia nel Lazio in pochi giorni. Sabato 14 luglioa Latina, a poche ore dal Lazio Pride, Elia stava uscendo dal lavoro in compagnia della sua ragazza, quando ha trovato sul vetro posteriore della sua auto una frase intimidatoria “trans di me**a muori“.
Il caso è stato segnalato a Gay Help Line 800 713 713 che con Arcigay Latina, ha tempestivamente provveduto a mettersi in contatto con il ragazzo con il quale valuteranno le azioni a sua tutela da intraprendere . É evidente che sui territori del Lazio é ancora tanto il lavoro da fare. Pertanto risulta sempre più importante una legge a supporto delle vittime LGBT (Lesbiche, Gay, Bisex e Trans) di discriminazione.
I portavoce di Lazio Pride
Anna Claudio Petrillo
Fabrizio Marrazzo
Richard Bourelly
Standard