Lazio Pride Volunteer

Il Lazio Pride è alle porte e abbiamo bisogno di te.

Il 20 giugno, alle ore 19:30, presso Hobo Drink & Food in via Cesare Battisti, 16 a Latina l’incontro con i volontari e le volontarie per il Lazio Pride.

Non ti resta che partecipare…il Lazio Pride sei anche tu!

Standard

Lazio Pride: Giordana Angi compone la sigla

Il Lazio Pride, che avrà luogo a Latina il 24 giugno, ha la sua sigla ufficiale. A comporla è stata Giordana Angi, giovane cantautrice di Aprilia. L’inedito, che si intitola “BAMBAM”, sarà in pre-order su Itunes il 16 giugno e il 23 giugno con il video ufficiale.

Giordana Angi, nata a Vannes in Bretagna, ma vissuta ad Aprilia per molti anni, nel 2012 ha partecipato a Sanremo (Categoria Giovani) con il brano “Incognita Poesia”. L’anno scorso è tornata alla ribalta grazie al singolo “Chiusa con te ” prodotto da Tiziano Ferro che ha da subito creduto nel talento di Giordana.

La cantautrice farà parte della lineup del Lazio Pride a Latina. Sarà, infatti, sul palco di Viale Italia per esibirsi e per sostenere la manifestazione.

“Sono onorata di aver avuto la possibilità di scrivere la sigla del LazioPride, – spiega Giordana – una manifestazione che reputo fondamentale per tutte le persone che come me vivono nella regione Lazio. “BAMBAM” é un brano che per me rappresenta la libertà di amare e amarsi, sottoforma di leggerezza e divertimento.  Non vedo l’ora che arrivi il 24 Giugno per cantarla insieme a tutti”.

E possibile ascoltare il video al link: https://www.youtube.com/watch?v=Y-o6NQr0bwo&feature=youtu.be

La comunità LGBT di Latina e del Lazio sarà in piazza il 24 giugno grazie al sostegno delle associazioni organizzatrici: Arcigay Roma, Arcilesbica Roma, Azione Trans, Gay Center e SeiComeSei.

I portavoce: 

Marilù Nogarotto (SeiComeSei)

Fabrizio Marrazzo (Gay Center)

Aurora Marchetti (Azione Trans)

Standard

LAZIO PRIDE: COMUNI ESPONGONO LE BANDIERE RAINBOW

In occasione del 17 maggio, Giornata Internazionale contro l’Omofobia, a Latina, Rieti, Fiumicino e altri comuni al via l’iniziativa In occasione del 17 maggio, Giornata Internazionale contro l’Omotransfobia, diversi comuni della regione Lazio esporranno sulla facciata principale di ogni Municipio la BANDIERA RAINBOW, simbolo della lotta alle discrimininazioni verso le persone LGBT (Lesbiche, Gay, Bisex e Trans.

L’iniziativa è promossa dal “Lazio Pride”, manifestazione pro diritti LGBT che anche quest’anno si svolgerà a Latina il 24 giugno 2017. Esporranno la bandiera arcobaleno i comuni di Latina, Rieti, Fiumicino (RM), oltre che Aprilia (LT), Alatri (FR), Norma (LT) e Vellatra (VT), per ricordare la necessità di lottare contro omofobia e transfobia.

Il 17 maggio coincide con la data in cui, nel 1990, venne cancellata l’omosessualità dal registro delle malattie mentali da parte dell’Organizzazione Mondiale delle Sanità.

Nonostante questo è necessario continuare a lottare nel Lazio, in Italia e nel mondo, dove i fatti ceceni, che narrano dell’apertura di campi di concentramento per gay, mostrano uno scenario inquietante.

I portavoce del Lazio Pride:

Marilù Nogarotto – Arcigay SeiComeSei

Fabrizio Marrazzo- Gay Center

Aurora Marchetti – Azione Trans

Standard

Partita la raccolta fondi per il Latina Lazio Pride

Organizzatori al lavoro per definire il programma dell’evento del 24 giugno

E’ partita la racconta fondi tramite la piattaforma “Buonacausa.org” per sostenere il Lazio Pride, l’evento a favore dei diritti civili per le persone gay, lesbiche, bisex e trans che si terrà a Latina sabato 24 giugno. La manifestazione – giunta alla seconda edizione – vede come primo promotore il cantautore pontino Tiziano Ferro. E’ stato proprio lui, alcuni giorni fa, a lanciare la notizia e ad accendere i riflettori sul territorio pontino.

Vogliamo rendere Latina “la città del futuro”, con il supporto di tutto il Lazio e di tutte le province: da Roma a Viterbo, da Rieti a Frosinone. – Commentano gli organizzatori lanciando un appello all’intera società civile – il Lazio Pride si pone l’obiettivo di essere un punto di riferimento nella comunità LGBTI mostrandosi come un grande evento per Latina, per il Lazio ed esempio per tutta l’Italia.

Perché abbiamo bisogno di fondi? – Spiegano – una manifestazione così importante ha necessità di sostenersi per riuscire al meglio. L’intera organizzazione si basa, infatti, sul volontariato. Sono tanti i costi tecnici che dovremo sostenere: il service per il montaggio palco, autorizzazioni per la SIAE, ambulanze e sicurezza, location e stand, autobus dalle altre città per poter partecipare e molto altro. Per questo abbiamo bisogno di te. Perché anche tu sei il Lazio Pride, e puoi lottare per i tuoi diritti adesso. Aiutaci”.

La campagna di crowfunding è partita, si può aderire attraverso il link: buonacausa.org/cause/latina-lazio-pride-2017

Gli organizzatori nel frattempo sono al lavoro per definire il programma della manifestazione: sarà un evento per i diritti civili che quest’anno approderà in centro e che – come è già accaduto l’anno scorso – prevede dibattiti, performance artistiche e tanto altro. Arcigay Roma, Arcilesbica Roma, Azione Trans, Gay Center e SeiComeSei.

I portavoce sono: Marilù Nogarotto (SeiComeSei), Fabrizio Marrazzo (Gay Center), Aurora Marchetti (Azione Trans)

Standard

Lazio Pride: Tiziano Ferro promuove a Latina a giugno la seconda edizione. Latina città del futuro

Il 24 giugno 2017 a Latina si terrà la seconda edizione del Lazio Pride. Tiziano Ferro è il promotore.

Grazie a Tiziano Ferro Latina diventerà come le grandi città europee dove si terrà la manifestazione a favore dei diritti delle persone gay, lesbiche bisex e trans. Il capoluogo pontino ospiterà nuovamente, dopo la partecipata edizione del 2016, il Pride regionale, stavolta spostandosi all’interno del contesto cittadino.

“Mi sto impegnando come promotore del Lazio Pride. E’ importante stanare l’odio e la paura nelle province. La mia Latina sta diventando la città del Futuro” dichiara Tiziano Ferro

“Oggi a Latina, come in tante città della Regione lazio, sono ancora molte le discriminazioni che le persone omosessuali e transessuali sono costrette a subire, spesso risultando isolate dal contesto sociale e costrette a vivere nel segreto la propria vita.

Per questo la comunità LGBT di Latina sarà in piazza grazie al sostegno delle associazioni organizzatrici Arcigay Roma, Arcilesbica Roma, Azione Trans, Gay Center e SeiComeSei.

I portavoce del Lazio Pride: Marilù Nogarotto – SeiComeSei, Fabrizio Marrazzo – Gay Center, Aurora Marchetti – Azione Trans

Standard

Lazio Pride, a Latina grande successo. Il saluto di Tiziano Ferro con “L’amore chiama amore”. Il sindaco Coletta: “Abbiamo liberato Latina”

 L’incursione di IMG_1200Forza Nuova con fumogeni e manifesti ad inizio del Lazio Pride non ha fermato l’iniziativa.

Grande successo per la prima edizione del Lazio Pride a Latina con oltre 2000 partecipanti, a conferma di una città che afferma il suo NO all’omofobia e SI ai diritti. Hanno aperto l’iniziativa i portavoce Marilù Nogarotto (Sei Come Sei), Fabrizio Marrazzo (Gay Center) ed Aurora Marchetti (Azione Trans).

Al Lazio Pride Tiziano Ferro ha inviato il video Amore chiama Amore dove racconta, leggendo tra le righe del suo diario, la difficoltà di essere gay a Latina.
Fortunatamente le istituzioni stanno cambiando. E’ infatti è intervenuto anche il Sindaco Damiano Coletta che ha fatto suo lo slogan del Pride “Liberiamo Latina” affermando “Abbiamo Liberato Latina”.
25-202551-23-38Il sindaco ha accettato l’invito del portavoce di Gay Center Fabrizio Marrazzo, ad aderire alla campagna Sindaco Sposaci, a cui hanno già aderito diversi sindaci, ossia di celebrare da Sindaco le Unioni Civili negli stessi luoghi e nelle stesse modalità delle celebrazioni dei matrimoni.
Inoltre, si sono esibiti molti artisti come Roberto Casalino, e sono stati mandati i video messaggi di molti personaggi come Fabio canino e Manuela Arcuri.
A tutti i partecipanti sono stati dati i braccialetti rossi della campagna di Arcilesbica contro la violenza sulle donne.
13510928_289566168044948_540366738827137346_n 13537588_289566211378277_3066272018198045467_n
Standard

Sabato 25 giugno Latina #LazioPride. Tanti i supporter: da Tiziano Ferro a Roberto Casalino

LIBERIAMOLATINAIn piazza con i nastri rossi contro il femminicidio. Ricorderemo anche le vittime di Orlando.

Sabato 25 giugno alle ore ore 17 presso Piazzale Gaetano Loffredo saremo a Latina per il Lazio Pride, la manifestazione dell’orgoglio per lesbiche, gay, bisex e trans, che avrà per slogan “Liberiamo Latina” dai pregiudizi, dall’omofobia, dalla lesbofobia, dalla transfobia e dalla discriminazione.

Il Lazio Pride, che protesta anche verso la mozione anti-gay firmata dai candidati a sindaco della città laziale ha raccolto molte adesioni, purtroppo ancora oggi sono visibili sui social network molte frasi offensive ed omofobe di persone che vorrebbero vietarci di manifestare (clicca qui per vedere le immagini dei post).

Anche per questo vogliamo lanciare da Latina un grido di liberazione per le persone LGBTI perché non siano più invisibili alle istituzioni, nelle scuole, e nel modo del lavoro e nella società.

Dal Lazio Pride inviteremo anche tutti i sindaci a celebrare da settembre le unioni civili delle coppie lesbiche e gay per dare un segnale di uguaglianza.

La manifestazione sarà aperta dalle note della canzone “Latina” di Tiziano Ferro. Tiziano Ferro è un grande sponsor di questo pride il quale ha realizzato un video dove si racconta in esclusiva.

Altri personaggi stanno aderendo in queste ore: Grazia Di Michele, Fabio Canino, mentre Roberto Casalino sarà il cantante che aprirà il concerto che si terrà in piazza. E’ da sempre cantautore e compositore legato al capoluogo pontino.

Si esibiranno, inoltre, durante la giornata Canusia, Chiazzetta, Ilenia Volpe, Lipstik, Never Stops, Nomen, Porella Cuccarini, Psyco Killer e Skuba Libre.

All’iniziativa interverranno oltre agli organizzatori anche le associazioni lgbt presenti e Vanni Piccolo tra i fondatori del pride in Italia.

Indosseremo tutti e distribuiremo i nastri rossi, per la campagna nazionale contro il femminicidio lanciata da Arcilesbica, in solidarietà a tutte le donne vittime di violenza, ed inoltre ricorderemo le vittime di Orlando, che è stata la strage contro le persone LGBTI più grande avvenuta in un paese occidentale dopo la seconda guerra mondiale.

I Portavoce Lazio Pride

Marilù Nogarotto – Sei Come Sei

Fabrizio Marrazzo – Gay Center

Aurora Marchetti – Azione Trans

Standard